Istruzioni per l'utilizzo di AndroBath

                                                                                                                                                                                                        TORNA INDIETRO

 (1) Istruzioni per l'uso

Androbath Med può essere utilizzato nella vasca da bagno, nella doccia, seduti in una sedia o nel Water, con risultati equivalenti. L'aspirazione indotta dal dispositivo provoca un'espansione dei tessuti del pene che aumenta localmente l'afflusso di sangue; a pressioni diverse corrisponderanno gradi diversi di rigidità del pene.

Tabella #1 - Modalità di utilizzo di AndroBath

Condizione

 Pressione negativa di Utilizzo                                 

Frequenza di utilizzo

 Disfunzione Erettile lieve - media

180/185 

 due o tre volte alla settimana, sessione di 20 minuti         

Disfunzione Erettile (impotenza)

180/185

       tre volte alla settimana, sessione di 20 minuti        (**non meno di 15 minuti)

Riabilitazione dopo prostatectomia radicale

185

a giorni alterni, sessione di  20 minuti

La malattia di De la Peyronie o Induratio Penis Plastica (IPP)

190/195

    5 giorni consecutivi alla settimana,                   sessione di 20 minuti



Controllo della pressione Negativa:Il limite superiore del corpo interno funge da indice della pressione attuale all'interno del dispositivo.

In posizione 1 il dispositivo è inattivo, in posizione 2 il dispositivo è attivato.

A mano a mano che l'erezione si sviluppa, la crescente irrorazione dei corpi cavernosi ne causa la dilatazione e quindi l'aumento di volume, al quale corrisponde una diminuzione della depressione nell'acqua. Questo effetto verrà compensato riportando la scala del soffietto alla posizione prescelta. Tale operazione dovrà venire ripetuta più volte per mantenere costante la depressione e quindi anche l'azione sul pene.

Precauzioni
Per la corretta tenuta del dispositivo è necessario radersi dove la guarnizione (E) tocca il corpo.

(2) Controindicazioni
Le controindicazioni all'uso di AndroBath sono limitate essenzialmente alla presenza di gravi anomalie del pene, congenite o acquisite. Vi sono anche controindicazioni relative che possono essere superate con una formazione adeguata del paziente e prestando attenzione alla presenza di lesioni spinali cervicali o toraciche, malattie neurologiche o degenerative, scarsa destrezza.

(3) Effetti collaterali
Gli effetti avversi si producono in genere precocemente nel trattamento con il vacuum e sono transitori, e di solito diminuiscono con l'uso continuo del dispositivo.


 

PREPARAZIONE DEL DISPOSITIVO 

La prima volta di utilizzo smontare AndroBath levando la parte in silicone alla base del dispositivo, estrarre la camera interna e lavare bene  con del sapone neutro le parti sopracitate, sciacquare bene il tutto;

 Rimontare il dispositivo facendo attenzione che le tacche della guarnizione in silicone e della base del soffietto combacino.

 PREPARAZIONE DEL CORPO

Depilare la parte dove il dispositivo si dovrà appoggiare al corpo.

 Il dispositivo deve essere indossato con lo scroto rilassato e all’esterno del dispositivo, con il glande scoperto e preferibilmente in stato flaccido.

 PERIODO DI ADATTAMENTO 

Per evitare traumi si deve fare un periodo di adattamento in cui tutti i tessuti del pene (tessuti molli, corpi cavernosi, vene, arterie, nervi ecc.) si abituino alle diverse pressioni negative a cui saranno sottoposti,

 il trattamento sarà fatto per 5 giorni alla settimana per 15 minuti ogni seduta (salvo diversa indicazione del medico), 

 Primo blocco di trattamento: la camera interna dovrà essere tenuta stabilmente a 175 sulla scala graduata,

 secondo blocco                180

 terzo blocco                      185

 Per la riabilitazione della Disfunzione erettile e per la riabilitazione dopo prostatectomia Radicale, continuare il trattamento con questa depressione

 Proseguire per l’IPP

Come si tiene il dispositivo

 quarto blocco                   190

 In seguito superare        190

 ATTENZIONE:    NON SI DEVE MAI SUPERARE 195

 

 Nella fase di adattamento si sentirà un po’ di disagio dovuto all’espansione causata dalla pressione negativa, ma non si dovrà mai sentire dolore, se questo accadesse fare altri 5 giorni di sedute alla pressione del blocco precedente.

 IMPORTANTE: ogni qualvolta la camera interna scenderà di 0,5 rispetto alla pressione prevista si

dovrà ripristinare la forza di partenza, il dispositivo dovrà essere sempre pieno d’acqua.

 Rovesciare il dispositivo tenendo il dito indice appoggiato alla valvolina gialla, riempire il dispositivo con l’acqua calda (3/4 gradi superiore alla temperatura corporea),

 

1.       Sempre con il dispositivo rovesciato e il dito indice sulla valvolina inclinare il busto in avanti (quasi a 90°) Inserire il pene (solo il pene) con il glande scoperto,

 2.       Appoggiare il dispositivo al corpo, con una mano tenere il dispositivo appoggiato al corpo con l’altra mano allontanare i testicoli dalla base allargando un po’ le gambe, la scala graduata ora si dovrà vedere bene.

 3.       Sedersi sul water con il sedile chiuso tenendo sempre l’indice sulla valvola e il dispositivo appoggiato al corpo appoggiare le spalle al muro, portare in avanti il bacino, , in modo da avere il corpo inclinato all’indietro così anche il dispositivo sarà in inclinato verso l’alto, questo permetterà di far fuori uscire l’aria che c’è all’interno quando lo si metterà in pressione, levare il dito dalla valvolia,

 4.       Prendere con entrambe le mani il dispositivo e tirarlo verso il corpo fino a che la parte superiore della camera interna arriva a 185 sulla scala graduata, accompagnare velocemente la spinta che il dispositivo restituisce senza contrastarla e senza muovere il dispositivo.

 5.       Quando la camera interna scenderà a 170 si dovrà riportarla a 175 (primo blocco di sedute),

 6.       Dovranno essere fatte 5 sessioni consecutive di lavoro e riposare per 2 giorni consecutivi,

 7.       Per regolare la forza interna spostando di pochissimo la valvola verso destra,

 8.       Alla fine dei 20 minuti della sessione alzarsi in piedi e aprire il sedile del water, risedersi e rilasciare la depressione molto lentamente toccando al valvola e spostandola di pochissimo da sinistra verso destra e rimuovere il dispositivo,

 Il trattamento dovrà essere fatto per almeno 5 mesi salvo diversa indicazione del medico.

 

TORNA INDIETRO

 


 

Bibliografia

Yuan J. Hoang A.N. Romero C.A. Lin H. Dai Y. Wang R. Vacuum therapy in erectile dysfunction—science and clinical evidence. International Journal of Impotence Research (2010) 22, 211–219.

Lewis RW, Witherington R. External vacuum therapy for erectile dysfunction: use and results. World J Urol 1997; 15: 78–82.

Brison D. Seftel A. Sadeghi-Nejad H. The Resurgence of the Vacuum Erection Device (VED) for Treatment of Erectile Dysfunction J Sex Med 2013 Jan 2 [Epub ahead of print]

Limoge JP, Olins E, Henderson D, Donatucci CF. Minimally invasive therapies in the treatment of erectile dysfunction in anticoagulated cases: a study of satisfaction and safety. J Urol 1996; 155: 1276–1279.

Witherington R. Vacuum constriction device for management of erectile dysfunction. J Urol 1989; 141: 320–322.

Cookson MS, Nadig PW. Long term results with vacuum constriction device. J Urol 1993; 149: 290–294.

Baltaci S, Aydos K, Kosar A, Anafarta K. Treating erectile dysfunction with vacuum tumescence device: a retrospective analysis of acceptance and satisfaction. Br J Urol 1995; 76:757–760.

Turner LA, Althof SE, Levine SB, Tobias TR, Kursh ED, Bodner D et al. Treating erectile dysfunction with external vacuum devices: impact upon sexual, psychological and marital functioning. J Urol 1990; 144: 79–82.

Turner LA, Althof SE, Levine SB, Bodner DR, Kursh ED, Resnick MI. External vacuum devices in the treatment of erectile dysfunction: a one-year study of sexual and psychosocial impact. J Sex Marital Ther 1991; 17: 81–93.

Rivas DA, Chancellor MB. Complications associated with the use of vacuum constriction devices for erectile dysfunction in the spinal cord injured population. J Am Paraplegia Soc 1994; 17: 136–139.

Ganem JP, Lucey DT, Janosko EO, Carson CC. Unusual complications of the vacuum erection device. Urology 1998; 51: 627–631.

Meinhardt W, Kropman RF, Lycklama a` Nijeholt AA, Zwartendijk J. Skin necrosis caused by use of negative pressure device for erectile impotence. J Urol 1990; 144: 983.

LeRoy SC, Pryor JL. Severe penile erosion after use of a vacuum suction device for management of erectile dysfunction in a spinal cord injured patient: case report. Paraplegia 1994; 32: 120.

Kim JH, Carson 3rd CC. Development of Peyronie’s disease with the use of a vacuum constriction device. J Urol 1993; 149: 1314–1315.

Theiss M, Hofmockel G, Frohmuller GW. Fournier’s gangrene in a patient with erectile dysfunction following use of a mechanical erection aid device. J Urol 1995; 153: 1921–1922.

Hakim LS, Munarriz RM, Kulaksizoglu H, Nehra A, Udelson D, Goldstein I. Vacuum erection associated impotence and Peyronie’s disease. J Urol 1996; 155: 134–135.